fogli calcolo

calcola la giusta tariffa

come utilizzare il foglio di calcolo

 

 

Come spiegato altrove, con il foglio elettronico predisposto, è possibile calcolare il corrispettivo secondo noi, corretto del servizio prestato da ACEA ATO5 S.p.A. dall'inizio della sua gestione sino al 5 marzo 2014, data sino a cui le tariffe sono state determinate sulla base del Metodo Normalizzato.

Per i consumi successivi, dobbiamo stabilire ancora il metodo di calcolo da assumere e sostenere e pertanto si rimanda ad un successivo aggiornamento delle tabelle.

 

Per utilizzare il foglio di calcolo sono necessari solo tre dati:

. quanto segnava il contatore alla data di subentro nella gestione da parte di ACEA ATO 5 S.p.A.

. quanto segna il contatore attualmente

. il totale dei versamenti fatti dall'inizio a favore di ACEA ATO 5 S.p.A.

 

Per conoscere la data di inizio della gestione basta clicccare sul comune e leggere detta data sul foglio che compare.

Il dato sul consumo iniziale è ricavabile o da una delle prime fatture di ACEA, o sull'ultima fattura del gestore precedente o accreditandosi sul sito di ACEA ATO 5 S.p.A. e aprendo lo “storico delle letture”.

Se il contatore è vecchio e non ha un numeratore almeno a 4 cifre. Occorre leggere cosa segnino i triangolini con a fianco stampigliati 1 – 10 – 100 in cui “100” indica le centinaia di mc, “10” le decine di mc e “1” indica i singoli mc, dunque se si legge “100” = 7 , “10” = 3 , “1” = 6 i metri cubi indicati dal contatore saranno 736.

A questo proposito bisogna considerare che ogni 999 mc il contatore si azzera e bisogna valutare quante volta questo sia avvenuto tenuto presente il fatto che, non avendo ACEA effettuato le previste letture semestrali, non è in grado di stabilire correttamente gli azzeramenti. Se si ipotizza che il contatore si sia azzerato due volte i metri cubi indicati nell'esempio precedente divengono 2736.

Il totale dei versamenti, se non si sono conservate le ricevute, è possibile ricavarlo dall'estratto conto reperibile agli sportelli e, accreditati, sul sito di Acea ATO 5 S.p.A.

I dati raccolti vanno inseriti nelle caselle – le uniche modificabili e bordate di rosso – ed il dato finale del saldo è automaticamente prodotto in due versioni.

La prima si fonda sull'ipotesi che la quota di tariffa relativa alla depurazione non sia dovuta perché non si usufruisce del servizio, ovvero anche se si è colegati ad un depuratore ma questi non è in regolare esercizio.

La secondo si fonda sull'ipotesi contraria e cioè che la quota relativa alla depurazione sia dovuta.

 

Copyright © All Rights Reserved